Blog Family

In volo con i bambini

Archiviata la Pasqua, non resta che progettare le vacanze estive, che ne dite di partire in volo con i bambini?

Indubbiamente, le più accorte tra di noi avranno già un piano d’attacco ben programmato, con meta, periodo, durata e mezzo di trasporto stabiliti, se non addirittura già tutte le prenotazioni effettuate.

Per tutte però l’incognita maggiore e fonte di ansie da insonnia resta come gestire il viaggio per raggiungere il luogo di villeggiatura senza che i nostri bambini si stanchino (o ci stanchino!) troppo.

Auto? Richiamo di restare impantanati in alche tragicomica coda sull’autostrada, lasciando i bimbi a cuocersi in macchina e a trattenere la pipì…E il mal di macchina ce lo scordiamo?

Provare con il pullman? Peggio! Il mal d’auto in questi casi aumenta in proporzione diretta alla lunghezza del viaggio e del pullman stesso! Non sempre hanno un bagno al loro interno e i sedili poi sono stretti e gli sguardi di odio dei compagni di viaggio presi a calci dai piedini dei nostri pargoli potrebbero alla fine darci anche fastidio…

Treno? E se i bambini si stancano di stare fermi e seduti per tante ore senza possibilità di scendere e distrarsi?

La risposta a tutti questi problemi potrebbe essere molto semplice: prendere l’aereo.

Perché in volo con i bambini se ci si sposta all’interno dell’Europa, non dura che poche ore, il viaggio è confortevole e hostess stewart sapranno sempre come assistere al meglio noi e i nostri bambini in caso di necessità.

Sebbene rispetto al passato certi pregiudizi siano stati sfatati, è pur sempre vero che mettere il proprio bambino su un aereo un po’ preoccupa le mamme, soprattutto se si tratta del primo volo.

Sul blog www.viaggiarefacile.com è stato pubblicato un post che fa proprio al caso nostro: “Come viaggiare in aereo con i bambini”.

In questo articolo prima di tutto vengono sfatate alcune paure legate alla salute dei bambini: non c’è infatti un limite di età sotto il quale nostro figlio non possa volare con noi; solo per bambini sotto i 7 giorni si prevede un certificato medico di idoneità, per quelli più grandi sono sufficienti i documenti standard che richiedono anche a noi adulti.

Il post prosegue spiegando quanto costano e come sono gestite dalle compagnie aeree

le prenotazioni fatte per i bambini e quale sia la differenza tra le categorie “infant” e “child”.

Sicuramente, la parte più importante del post è l’ultima, nella quale ci danno alcune dritte su come rendere ancora più sicuro, piacevole e tranquillo il volo ai nostri bambini: dargli spesso da bere, compensare con il ciuccio o con una caramella i fastidi alle orecchie per il cambio di pressione, vestirli a strati e tenere a portata di mano i farmaci di base e qualcosa per combattere i sintomi di un’eventuale mal d’aereo.

A questo punto non ci resta che imbarcarci tutti e scoprire posti nuovi!

Arianna


2 commenti

  • twinsbimamma il 7/5/2014 scrive:

    grazie per segnalazione link darò una occhiata. buona giornata



    • Super Mamma il 7/5/2014 scrive:

      Grazie a te cara 🙂 <3



Scrivi un commento

Lascia un commento a questo articolo, ti garantiamo che il tuo indirizzo e-mail non verrà reso pubblico e che non riceverai MAI spam da parte di Blog Family.

Questo sito è abilitato Gravatar. Clicca qui per creare un Avatar che comparirà ogni qual volta lascerai un commento su Blogfamily.it e su tutti gli altri siti e blog che supportano la tecnologia Gravatar.

* campi obbligatori.