Mia figlia è un’astronave


Mia figlia è un’astronave, un libro che ci fa capire come viene vissuta la nascita di un figlio da un uomo.

Noi donne tendiamo, a volte a trascurare l’impatto che un bambino ha sulla vita del suo papà. Perché culturalmente in genere siamo quelle più dedite alla crescita dei figli.

Anche fisicamente perché li portiamo in grembo per nove mesi, li partoriamo, li allattiamo…

In genere i primi anni sono più nostri i bambini piuttosto che dei papà. Ciò non significa che un figlio non impatti a livello emotivo su di loro ma anche in modo pratico se vogliamo.

Spesso noi donne veniamo prese dai figli e quindi un po’ li trascuriamo oppure altre volte sono proprio loro che si innamorano tanto dei loro bambini da trascurare noi.

Trovare la quadra è la grande sfida di ogni coppia.

Se vuoi leggere il libro insieme a me, clicca sull’immagine sottostante:

Mia figlia è un’astronave la trama:

Napo è uno di quelli che, se può sbagliare qualcosa, la sbaglia. Ha quasi trent’anni e vive ancora come un adolescente, complici il lavoro di musicista e una storia d’amore finita decisamente male.

Avrebbe bisogno del consiglio di un padre, ma il suo è un tipo davvero strano – un avvocato con la passione per l’edilizia – e tra loro è un continuo duello a chi combina il guaio peggiore.

Poi, durante una festa, arriva il colpo di fulmine con una ragazza, Viola, che come per magia pare essere la grande occasione per diventare finalmente adulto. Se non fosse che è già fidanzata con un altro…

Jacopo è tutto il contrario di Napo: preciso, maturo e affidabile, a volte persino troppo. Da quando è diventato papà della piccola Vittoria, ha scoperto non solo la gioia più assoluta ma anche una naturale predisposizione a fare il “mammo”, insospettabile persino per lui.

Avere figli però non è solo rose e fiori: col passare del tempo, certi istinti giovanili tornano a farsi vivi, le notti insonni si accumulano, mentre fatalmente si complica il rapporto con la sua compagna… Viola.

Francesco MANDELLI (Erba, 1979) è conduttore televisivo, attore, sceneggiatore, regista, cantante, conduttore radiofonico, doppiatore e molto altro. Ha una figlia di quattro anni che ha completamente cambiato il suo percorso di uomo e di artista. Questo è il suo primo romanzo.

Lascia un commento

otto − 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.