Blog Family

Mamme e lavoro #mommobbing

Dopo aver letto questo articolo di una mamma che è stata costretta a lasciare il lavoro perché incinta, lo so non vi sto’ dicendo una novità! Si parla tanto di conciliazione ma quanto siamo lontani da questo traguardo.

Ci sono rimasta ancora più male dei commenti delle mie amiche anche loro sono state mobbizzate perché mamme.

Ma in che paese viviamo? Ci fregiamo del nome di paese civilizzato ed essere genitori diventa un’onta da nascondere?

Ecco le mie amiche:

“E’ davvero triste, ingiusto e fa rabbia che per noi donne una fede al dito sia una delle peggiori pecche che un curriculum possa avere… ma perché dobbiamo scegliere? Perché ad una mamma non deve essere concessa la possibilità di conciliare e far tutto? Chi l’ha detto che i bambini debbano essere una limitazione? Chissà perché a noi donne tocca sempre dimostrare qualcosa…”

” Io ho perso il lavoro come giornalista dopo le maternità. Contratto a tempo indeterminato ma era impossibile il part time. Di storie come la mia ce ne sono a milioni, in ogni settore. Oggi la normalità è avere nonni che ti sostituiscano, a ogni ora, perché ci sono dei lavori come questi che richiedono la reperibilità 24 h su 24. Se non li rassicuri su questo, sei fuori.”

“Oggi la vedo dura, parliamo tanto di conciliazione ma di fatto, se siamo sole, non abbiamo scelta!I o l’ho accettato nel tempo, resta l’amarezza per aver avuto poca solidarietà. Ecco perché amo il web, è stato l’unico strumento che mi ha permesso di creare qualcosa di mio.”

“Eh già… altro che conciliazione… anche solo il fatto di dover pagare 250€ di asilo per mia figlia (fino alle 14:00 e quando ci va, dato che a quest’età si passa da un virus all’altro!)… beh! A me già questa sembra un’ingiustizia assurda! Effettivamente, anche io approfitto del web e del pc che mi consentono di fare qualcosa da casa, uscendo il meno possibile… ma per me che amo i contatti “umani” è una grande limitazione lo stesso…”

“A me sta notizia non sconvolge… purtroppo si parla di pari opportunità ma sulla carta. Io iniziai a lavorare subito dopo la laurea… quando arrivo il primo figlio fu un continuo studiare fare concorsi ma niente, alla fine ce l’ho fatta ma il bello doveva venire. Un giorno la mia ex capa mi disse: “non avrà in mente di fare il secondo e io come faccio poi?”

La risposta è arrivata nel 2013, io ferma in maternità per più di un anno e al mio rientro buttata in un altro ufficio. Ma non mi faccio scoraggiare, riparto e scopro di essere di nuovo incinta. Ora a parte le battute idiote del capo uomo mi chiedo dove mi metteranno al rientro da questa terza gravidanza?”

“Grazie per la condivisione. Purtroppo queste discriminazioni avvengono in tutti i settori. Fa tanta rabbia e bisogna parlarne e combattere questa mentalità retrograda e maschilista che spesso appartiene più alle donne. Aver figli è una crescita e un arricchimento per una donna.”

“Comunque a me è successa la stessa cosa… e sono pedagogista (qui decidete voi se ridere o piangere… se avere figli penalizza una pedagogista…)”.

La cosa che far star male e che a volte le più cattive sono proprio le altre donne.

“Io non sono stata licenziata ma dall’amministrazione son tornata in produzione, perché dovevo occuparmi del mio secondo figlio che doveva fare delle terapie e avevo chiesto di gestire in modo diverso il mio orario di lavoro, non di farne meno. Il mio capo all’epoca era una donna.”

“Qui a Roma, se cerchi lavoro, nemmeno guardano il CV, ti chiedono “ha figli?” E gia’ so come va a finire, ho perfino pensato di mentire, di dire che sono single, ma sinceramente mi rifiuto!”

“Una volta lavoravo in un posto dove non ti potevi alzare (per andare in bagno,telefonare ecc…)prima di un certo orario e io avevo il bambino con la bronchite, non ho potuto chiamare la tata per sapere se respirava meglio. Quando l’ho fatto hanno “scoperto” il terribile segreto: ORRORE, ero una madre!!!! Ma si può?!?”

Questa è la mia esperienza di nonlavoro.

Ho creato l’hashtag  #mommobbing sia su facebook, che su twitter se volete condividere quando siete stata mobbizzata, perché diventata mamma. Chissà magari potremmo farne un libro e mandarlo al presidente del consiglio perché faccia qualcosa, ormai è diventata davvero una situazione insostenibile la nostra!


4 commenti

  • Letizia il 31/3/2014 scrive:

    Hai ragione, ci sto! ma sopratutto, aggiungo,sosteniamoci davvero tra noi donne. Rispondere ad una donna in difficoltà nel conciliare che deve stare a casa e che non può pretendere di più, lo trovo ingiusto. Troviamo insieme le alternative!



    • Super Mamma il 31/3/2014 scrive:

      Assolutamente concordo con te Letizia grazie e sì pensiamoci insieme!



  • Anna il 29/4/2014 scrive:

    che triste realtà, vissuta sulla mia pelle e su quella di tante altre mamme. Il fatto di diventare mamme non è vista la cosa più bella e importante del mondo, ma come una situazione invalidante che ti chiude tutte le porte.Usciremo da questa situazione che fa si che una donna pur di diventare madre sa già dall’inizio che dovrà rinunciare a tutto?chissà vi abbraccio care mamme e lottiamo …



    • Super Mamma il 30/4/2014 scrive:

      Dobbiamo farcela per noi ma soprattutto per le nostre bambine che un giorno saranno donne ma anche perché no? Per i nostri bambini è giusto che abbiamo vicino a se delle donne felici e realizzate. Che possano vivere una vita anche economicamente soddisfacente, perché il denaro non fa’ la felicità ma vivere con un solo stipendio non è semplice!



Scrivi un commento

Lascia un commento a questo articolo, ti garantiamo che il tuo indirizzo e-mail non verrà reso pubblico e che non riceverai MAI spam da parte di Blog Family.

Questo sito è abilitato Gravatar. Clicca qui per creare un Avatar che comparirà ogni qual volta lascerai un commento su Blogfamily.it e su tutti gli altri siti e blog che supportano la tecnologia Gravatar.

* campi obbligatori.