Blog Family

Il gusto proibito dello zenzero

All’inizio ero partita un po lenta con questo libro l’ho preso e lasciato un paio di volte, mi sembrava un po triste, poi un giorno che non avevo altro da leggere l’ho ripreso in mano e sono entrata nella parte avvincente della storia quando l’attore della storia era un giovane cinese che s’innamora della sua amica giapponese. ho trovato molto interessante la storia che fa da sfondo e riguarda i soprusi che hanno sofferto le comunità giapponesi in america durante la guerra, l’autore Jamie ford è di discendenze cinesi, forse per questo si è interessato particolarmente al problema.

La trama:

Seattle. Nella cantina dell’hotel Panama il tempo pare essersi fermato: sono passati quarant’anni, ma tutto è rimasto come allora. Nonostante sia coperto di polvere, l’ombrellino di bambù brilla ancora, rosso e bianco, con il disegno di un pesce arancione. A Henry Lee basta vederlo aperto per ritrovarsi di nuovo nei primi anni Quaranta. L’America è in guerra ed è attraversata da un razzismo strisciante. Henry, giovane cinese, è solo un ragazzino ma conosce già da tempo l’odio e la violenza. Essere picchiato e insultato a scuola è la regola ormai, a parte quei pochi momenti fortunati in cui semplicemente viene ignorato. Ma un giorno Henry incontra due occhi simili ai suoi: lei è Keiko, capelli neri e frangetta sbarazzina, l’aria timida e smarrita. È giapponese e come lui ha conosciuto il peso di avere una pelle diversa. All’inizio la loro è una tenera amicizia, fatta di passeggiate nel parco, fughe da scuola, serate ad ascoltare jazz nei locali dove di nascosto si beve lo zenzero giamaicano. Ma, giorno dopo giorno, il loro legame si trasforma in qualcosa di molto più profondo. Un amore innocente e spensierato. Un amore impossibile. Perché l’ordine del governo è chiaro: i giapponesi dovranno essere internati e a Henry, come alle comunità cinesi e, del resto, agli americani, è assolutamente vietato avere rapporti con loro. Eppure i due ragazzini sono disposti a tutto, anche a sfidare i pregiudizi e le dure leggi del conflitto.


6 commenti

  • Cri il 23/8/2013 scrive:

    Oddio, la storia sembra bellissima.
    Ecco un nuovo titolo per la mia wishlist.
    Grazie!



    • Super Mamma il 23/8/2013 scrive:

      Siamo incorreggibili!



  • Monica:) il 23/8/2013 scrive:

    Bello!
    L’ho letto tempo fa e mi è piaciuto molto.



  • 'povna il 23/8/2013 scrive:

    Mi pare che potrebbe essere una lettura interessante anche per scuola. Grazie mille per la segnalazione!



    • Super Mamma il 23/8/2013 scrive:

      Certo perché no! grazie a te per essere passata 🙂



Scrivi un commento

Lascia un commento a questo articolo, ti garantiamo che il tuo indirizzo e-mail non verrà reso pubblico e che non riceverai MAI spam da parte di Blog Family.

Questo sito è abilitato Gravatar. Clicca qui per creare un Avatar che comparirà ogni qual volta lascerai un commento su Blogfamily.it e su tutti gli altri siti e blog che supportano la tecnologia Gravatar.

* campi obbligatori.