La forza degli iperdisponibili

In questi giorni ho letto il libro:

La forza degli iperdisponibili

E ho scoperto che questo è uno dei miei difetti.

Conosciamo tutti qualcuno che vuole piacere agli altri. Qualcuno che trova più facile dire di sì che spiegare perché no. Presente! 🙋‍♀️

L’autrice ci racconta che era una bambina bravissima a rendere felici le altre persone. Sapeva adattarsi a qualsiasi situazione e usare il potere di compiacere per dare alle persone ciò che volevano.

Io a volte sono stata accusata di essere facilmente influenzabile proprio per questo mio modo di adattarmi alla persone, anche a loro linguaggio credo che derivi dal fatto che sono molto empatica. Invece ho un carattere molto forte e idee decisamente chiare su chi sono e che cosa voglio.

Credo che questo bisogno di compiacere le persone, di fare la brava bambina, anche da adulta, derivi dal piacere che poi provo nel sentirmi amata. In cambio della mia Iperdisponibilità.

L’autrice continua raccontandoci:

Da adulta ho continuato ad essere Iper disponibile, dando priorità alla soddisfazione degli altri, apparentemente incapace di dire di no.

La forza degli iperdisponibili, la trama:

Chiedete scusa anche se non avete fatto nulla di male, vi sentite in colpa per il solo fatto di aver cambiato idea e vi fate sempre carico dei problemi di tutti?

Allora anche voi siete iperdisponibili.

Vi hanno fatto credere che compiacere gli altri fosse un atto di generosità e gentilezza, la dimostrazione che siete brave persone. Peccato però che, a forza di trascurare le vostre esigenze, vi siate dimenticati di voi stessi, chiudendovi in un circolo vizioso di autonegazione.

Risultato? Bassa autostima e insoddisfazione cronica, malessere fisico e mentale, ansia e depressione.

La psicoterapeuta Emma Reed Turrell, da ex iperdisponibile, ha messo a punto un metodo semplice ed efficace per aiutare chi soffre di questo problema.

Nel suo libro, frutto di una lunga esperienza clinica, indaga sulle radici psicologiche e famigliari che inducono ad assecondare gli altri, aiuta a distinguere i rapporti sani da quelli opportunistic.

Chi vi apprezza solo perché siete accomodanti sta approfittando di voi e spiega passo a passo come ribaltare questa tendenza.

All’interno di ogni capitolo troverete storie personali, domande e approfondimenti che vi insegneranno a riconoscere i meccanismi autolimitanti, come l’abnegazione e il sacrificio.

A valorizzare i vostri veri punti di forza, dall’empatia alla capacità di ascolto. Pagina dopo pagina, capirete che dire qualche sano no non è egoismo, ma un giusto riconoscimento verso voi stessi, cioè verso l’unica persona che merita la vostra piena iperdisponibilità.

Lascia un commento

11 − sette =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.