Blog Family

Guida alla stiratura perfetta: tutto quello che serve sapere

Oggigiorno, stirare è considerata una delle faccende domestiche più faticose e che si tende a rimandare il più possibile. Del resto, non bisogna dimenticare che la maggior parte delle persone ha poco tempo a disposizione da dedicare alla cura della casa, poiché deve fare i conti con una serie infinita di impegni, spesso non trascurabili. Tuttavia, per rendere il tutto meno stressante ed anche più rapido è possibile contare su una serie di consigli pratici

Di fatto, prima della stiratura, è necessario lavare in maniera adeguata i capi, facendo attenzione a quanto riportato sull’etichetta, nonché stendere efficacemente il bucato, così da evitare l’insorgenza di ulteriori pieghe. Questi semplici accorgimenti, però, sono del tutto inutili se non si dispone del ferro da stiro giusto. Di fatto, in commercio è possibile trovare una vasta gamma di modelli: con serbatoio interno, con serbatoio esterno, che possono essere dotati di caldaia o generatori di vapore, nonché verticali o da viaggio.  

La cosa più importante è puntare alla qualità, che viene garantita, nella maggior parte dei casi, da aziende importanti, come Philips che si è distinta negli anni per la serietà e l’affidabilità dei prodotti, ed è l’ideale per chi è alla ricerca di un ferro da stiro potente, in grado di garantire sessioni di stiratura rapide e performanti, ma anche per evitare bruciature e per preservare al meglio i capi più delicati.

Alcuni consigli pratici per stirare al meglio

Generalmente, ogni capo necessita un tipo di stiratura particolare, che varia in base alla conformazione. Gli indumenti più difficili da stirare sono le camicie, soprattutto per chi è alle prime armii, poiché prevedono diversi punti critici. Tuttavia, non bisogna perdersi d’animo, poiché basta avere un po’ di pazienza e conoscere alcune regole fondamentali. 

Di fatto, è necessario partire dal collo, in modo da non creare delle grinze aggiuntive in fase di stiratura. Successivamente è bene procedere con le maniche, avendo cura di aprire i polsini, in modo da penetrare al meglio con la punta. Fatta anche questa operazione, si può procedere con il resto. Estremamente facili sono, invece, le tovaglie, gli asciugamani e le lenzuola senza angoli arricciati, poiché basta piegarle diverse volte, facendole diventare piccole e strette. 

In questo modo si evita di strofinarle a terra e si limita di molto la fatica. Maggiore difficoltà si riscontra con i pantaloni dotati di piega, poiché è necessario individuare la piega e passarci sopra il ferro, facendo attenzione a non modificarla. In questo caso basta agire con calma e senza fretta ed utilizzare un ferro facile da maneggiare ed in grado di emettere parecchio vapore.

Stirare i capi delicati senza preoccupazioni

In fase di stiratura, tuttavia, oltre a considerare la fattura dei capi, è necessario, onde evitare di commettere errori, anche prestare attenzione al tipo di tessuto. Infatti, ve ne sono alcuni che sono particolarmente ostici da stirare e che se non trattati adeguatamente possono alterarsi facilmente. Particolarmente delicati sono il raso e la seta, poiché tendono a macchiarsi con estrema facilità ed a dare vita ad antiestetiche pieghe. 

Di fatto, vanno stirati con una temperatura non troppo elevata e posizionandoli all’interno di un panno umido. Non bisogna, invece, mai spruzzare direttamente dell’acqua, in quanto si formano degli aloni. Difficili da stirare sono anche i pizzi, che possono essere applicati a tovaglie, gonne, camicette e quant’altro. La cosa migliore in questo caso è tenere il ferro basso ed interporre un fazzoletto di cotone nei punti critici. 

Un valido aiuto è rappresentato anche dall’appretto, un prodotto facilmente reperibile in commercio, che consente alle fibre di stendersi con maggiore facilità. Infine, è importante dare qualche dritta anche per quanto riguarda il lino, poiché tende a sgualcirsi rapidamente. Questo tessuto non va asciugato al sole, bensì all’ombra. Per la stiratura, invece, oltre a disporre di un ferro performante, è necessario tenere una temperatura molto alta. In caso di pieghe ostinate un toccasana è l’amido di riso.

Post in collaborazione con Philips

 


Nessun commento

Scrivi un commento

Lascia un commento a questo articolo, ti garantiamo che il tuo indirizzo e-mail non verrà reso pubblico e che non riceverai MAI spam da parte di Blog Family.

Questo sito è abilitato Gravatar. Clicca qui per creare un Avatar che comparirà ogni qual volta lascerai un commento su Blogfamily.it e su tutti gli altri siti e blog che supportano la tecnologia Gravatar.

* campi obbligatori.