La mucca viola di Seth Godin

La mucca viola di Seth Godin, Farsi notare (e fare fortuna) in un mondo tutto marrone, ho tanto sentito parlare in rete di questo libro che alla fine mi sono decisa ad acquistarlo.

Ho studiato marketing ma non me ne occupo per lavoro, così all’inizio ho pensato che la mucca viola non fosse un libro adatto a me, ma poi mi sono ricreduta.

Il libro ci incita a fare qualcosa di straordinario, altrimenti rischieremo di rimanere invisibili. Non abbiamo più tempo, quindi la cosa più importante è che quello di cui abbiamo bisogno, sia ben visibile.

La trama:

Che cosa hanno imprese internazionali come Apple, Curad, Google, Ikea, Logitech, Starbucks che voi non avete? Perché queste aziende continuano a stupire con il loro successo, mentre le grandi marche di una volta arrancano a fatica?

Le P tradizionali del vecchio marketin come: prezzo, promozione, pubblicità, posizionamento e altre non funzionano più. Oggi, all’elenco, c’è da aggiungere un’altra P: quella di Purple Cow, la Mucca Viola. Che non è una funzione di marketing cui ricorrere a prodotto finito. La Mucca Viola è qualcosa di fenomenale, inatteso e assolutamente incredibile che è dentro il prodotto. Seth Godin spiega come mettere una Mucca Viola in tutto ciò che create per arrivare a una soluzione che non passi inosservata.

 

 

Siamo tutti strambi: La nuova era del marketing su misura. Questo mi è piaciuto meno perché mi ricorda molto il primo, non ho trovato nulla di eccezionale, forse se avessi letto solo questo sarebbe stato diverso.

La trama:

La massa fiduciosa e indifferenziata che per decenni ha comprato di tutto senza pensarci troppo si è estinta. L’uomo-medio, il normale tanto amato dalle aziende di tutto il mondo, è scomparso e le “variazioni rispetto alla media” si moltiplicano alla velocità della luce.

È iniziata l’era degli strambi, quelli che si organizzano in tribù, si sentono diversi e si ostinano a voler scegliere che cosa piace loro e cosa no. La rivoluzione digitale li ha fatti crescere e proliferare, rendendo più forte la loro voce.

Ora nel mondo ci sono milioni di gruppi i cui membri rispettano, ammirano e sostengono idee e comportamenti che gli “esterni” considerano strambi, ma che ai loro occhi sono null’altro che la normalità (la loro normalità). Eccoli, i nuovi ricchi: non necessariamente chi ha tanti soldi in tasca, ma chi è consapevole di avere libertà di scelta. E vuole sfruttarla fino in fondo. L’autore de” La mucca viola” lancia la nuova parola d’ordine: oggi per vendere un prodotto, diffondere un’idea o comunicare un brand bisogna parlare proprio agli strambi, confrontarsi con loro e – perché no? – diventare strambi.

Mi manca solo il libro quel pollo di Icaro, come volare alti senza bruciarsi le ali ma a questo punto sono in dubbio…voi l’avete letto? Vi è piaciuto? Grazie 🙂 Angela

6 commenti su “La mucca viola di Seth Godin”

  1. Sono entrambi una novità per me… Il primo mi ha ricordato un libro letto tempo fa… che però pur avendo una mucca nel titolo non ha niente a che fare con la trama proposta…

    Rispondi

Lascia un commento

15 − sette =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.