Spossatezza estiva: come ritrovare l’energia perduta e altri consigli utili

La stanchezza fisica è un problema reale per molte persone, che purtroppo tende a palesarsi soprattutto durante gli afosi mesi estivi. La combinazione fra clima caldo e alti tassi di umidità può prosciugare le energie e far sentire svogliati e demotivati, oltre a causare altre problematiche come i cali di pressione e i colpi di calore. Ci sono comunque dei modi per combattere la spossatezza estiva, a partire da una corretta informazione sul tema, per poi proseguire con una dieta sana e bilanciata. Vediamo quindi di approfondire questa condizione, scoprendo insieme i consigli più utili.

Cos’è la spossatezza estiva e quali sono i sintomi?

La spossatezza estiva è una condizione caratterizzata da sintomi come la stanchezza, la letargia e una sensazione di diffuso malessere generale. Può essere causata da diversi fattori, tra cui l’esposizione incauta al sole durante le ore più calde della giornata, la disidratazione e gli squilibri elettrolitici. Anche se la spossatezza estiva non è una condizione medica grave, può comunque essere abbastanza debilitante, soprattutto se non si interviene quanto prima. Fortunatamente, ci sono alcune semplici cose che si possono fare per prevenire la spossatezza estiva prima che si manifesti, e per cercare di combatterla se già si soffre di questo stato.

Cosa fare per combattere e per prevenire la spossatezza estiva?

Per prima cosa bisogna assicurarsi di rimanere idratati assumendo molti liquidi durante la giornata, anche se non si ha sete (minimo 2 litri al giorno). Inoltre, è il caso di evitare le bevande zuccherate e l’alcool, che possono peggiorare la disidratazione e aumentare la temperatura corporea. In secondo luogo, è importante vestirsi in modo adeguato, indossando abiti traspiranti e in tessuti leggeri e naturali, come il lino e il cotone.

 

Come anticipato, è di fondamentale importanza curare anche il proprio regime alimentare. Qui si consiglia di abbracciare una dieta ricca di frutta e di verdura, che contengono molta acqua e sono una miniera di vitamine e minerali essenziali per l’organismo, come il potassio. Un’altra soluzione consigliata riguarda le bevande energizzanti come sempre a base di frutta e verdura. Infine, meglio evitare gli alimenti grassi o le fritture, che in estate possono causare problemi digestivi, peggiorando la spossatezza fisica.

Un’alimentazione biologica è fortemente consigliata, perché può aiutare l’organismo ad affrontare meglio le esigenze dettate dalle condizioni ambientali estive, oltre ad essere più salutare perché i prodotti bio non sono trattati con sostanze chimiche di sintesi. I vantaggi di un’alimentazione biologica possono essere approfonditi insieme a tante idee di ricette bio visitando i blog specializzati.

Attenzione al caldo e all’esposizione al sole

Naturalmente è il caso di adottare alcune misure per proteggersi dal sole, ad esempio applicando ogni due ore una protezione solare con un fattore SPF elevato. Se si deve stare all’aperto, meglio programmare delle frequenti pause all’ombra, o evitare di esporsi al sole durante le ore più calde. Infine, occorre prestare attenzione ai segnali che ci invia il nostro corpo: se ci si sente esausti, serve fare una pausa e riposare in un luogo fresco e ombreggiato. Seguendo questi semplici consigli, sarà possibile prevenire la spossatezza estiva e aiutare l’organismo ad affrontarla con maggiore efficacia.

 

Lascia un commento

diciassette − dodici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.