Blog Family

Un marito di troppo

A quante di noi è successo di costruirsi “l’amore ideale”? Beh credo che l’appello qui è veramente lungo, il problema però rimane sempre lo stesso fare i conti con la realtà e con il cuore che alla fine stravolge completamente quelli che erano i nostri piani.

Questa è la situazione fondamentale che si presenta in questo film, che a me è piaciuto, leggero ma dove i colpi di scena non mancano di certo.

“La dottoressa Emma Lloyd è in procinto di sfondare sul mercato con il libro “Amore vero” e di sposare il suo editore, Richard. La trasmissione radiofonica che tiene quotidianamente ha riscosso un successo incredibile, i consigli sentimentali che ha dispensato hanno rincuorato centinaia di donne e impedito unioni ad alto tasso d’incompatibilità. Come quella tra Sophia e Patrick Sullivan, un vigile del fuoco. Determinato a vendicarsi della donna che ha mandato all’aria la sua storia d’amore, Patrick mette mano all’archivio online del municipio di New York e fa sì che Emma e Richard non possano convolare a giuste nozze: dopo il suo intervento, infatti, la dottoressa dell’amore risulta già sposata, niente meno che con Patrick stesso. Mentre, inferocita, Emma si appresta a incontrare Sullivan per chiarire l’anomalia, non sa che in lui sta per incontrare l’amore vero, che non è affatto come lo immaginava e che metterà in crisi ogni sua certezza.” (mymovies)

 

Il mio giudizio, pollice in su, se vi piacciono le strampalate commedie americane, che vi fanno rilassare, questo film vi piacerà sicuramente 🙂


1 commento

  • Super Mamma il 16/8/2011 scrive:

    sembra carino devo vederlo grazie 🙂



Scrivi un commento

Lascia un commento a questo articolo, ti garantiamo che il tuo indirizzo e-mail non verrà reso pubblico e che non riceverai MAI spam da parte di Blog Family.

Questo sito è abilitato Gravatar. Clicca qui per creare un Avatar che comparirà ogni qual volta lascerai un commento su Blogfamily.it e su tutti gli altri siti e blog che supportano la tecnologia Gravatar.

* campi obbligatori.