Blog Family

Finché amore non ci separi

Finché amore non ci separi

Finché amore non ci separi

Bello, bello questo romanzo di Anna Premoli, com’è vero che quando ci si sta antipatici, spesso c’è un forte interesse sotto.

A volte ci facciamo condizionare dalle nostri convinzioni: siamo troppo diversi, le nostre famiglie non andranno mai d’accordo, non potrei mai sopportarlo per sempre…

Sapete che vi dico? Se avessi dovuto scegliere Superdaddy a tavolino probabilmente non lo avrei fatto, siamo molto diversi come: famiglia di origine, interessi, carattere.

Eppure sono più di venti anni che stiamo insieme, è vero che gli opposti si attraggono ma non solo questo,  credo che essere molto diversi aiuti anche ad annoiarsi negli anni.

L’importante è avere gli stessi valori sulle cose fondamentali della vita: famiglia, lavoro, denaro, salute.

Finché amore non ci separi la trama:

Amalia Berger è un affermato avvocato newyorkese, nota nel foro come “la regina di ghiaccio”. I ricchissimi genitori però le riservano da sempre poche attenzioni.

Ryan, di origini irlandesi, è il maggiore di quattro figli maschi e la sua caotica famiglia gestisce un tipico pub nel cuore della Grande Mela. I due si sono conosciuti alla scuola di legge di Yale, dove è nata la loro reciproca antipatia.

Amalia è poi rimasta a New York, mentre Ryan ha fatto carriera a Chicago. Finché un giorno, l’offerta di un posto da vice procuratore lo riporta a New York.

Il primo caso che si trova ad affrontare sembra davvero banale: l’arresto per guida in stato di ebbrezza di una ragazza dell’alta società. Ma quel che appare semplice, si può complicare inaspettatamente, se per esempio l’avvocato difensore della ragazza è proprio quella Amalia Berger, che Ryan non vede da almeno dieci anni…

Lo scontro in aula degenera a tal punto che il giudice condanna entrambi a una pena esemplare, che li costringerà a trascorrere parecchio tempo insieme. E cosa può accadere se due persone che si detestano dal profondo del cuore sono costrette dalla legge a collaborare?


1 commento

Scrivi un commento

Lascia un commento a questo articolo, ti garantiamo che il tuo indirizzo e-mail non verrà reso pubblico e che non riceverai MAI spam da parte di Blog Family.

Questo sito è abilitato Gravatar. Clicca qui per creare un Avatar che comparirà ogni qual volta lascerai un commento su Blogfamily.it e su tutti gli altri siti e blog che supportano la tecnologia Gravatar.

* campi obbligatori.