Blog Family

Madeline

La Repubblica l’ha definita “una favola metropolitana senza tempo”. Una definizione quanto mai azzeccata per una commedia deliziosa ambientata a Parigi, che vede protagonista un’orfanella ospite del collegio gestito da Suor Clavet. Madeline è una forza della natura, e sarà la sua vivacità, accompagnata da un’ intelligenza fuori dal comune, a salvare l’immobile donato da Lady Covington. Un giorno però la dolce benefattrice muore. A prendere le redini sarà Lord Covington che senza un minimo di cuore comunica a Suor Clavet la decisione di vendere la scuola. Sarà la piccola Madeline a salvare il collegio. Come? Facendo breccia nel cuore di Lord Covington, il cui animo si era inaridito dopo la morte della moglie. Fra una peripezia e l’altra la vivace bambina dal cuore tenero scoprirà il segreto dell’anziano rimasto vedovo. La foga di vendere al più presto l’immobile era dovuta al fatto che quella casa era troppo piena di ricordi della moglie. Tanto da pensare di sbarazzarsene al più presto per non soffrire più.

Spassosa la sceneggiatura, che vede Madeline e le altre ragazzine del collegio relazionarsi con il terribile Pepito, il vivacissimo,maleducato e viziato figlio dell’ambasciatore di Spagna, appena arrivato a Parigi, la cui abitazione è confinante con il collegio. Anche Pepito ha un cuore, e verrà fuori quando, con l’aiuto di Madeline, si salverà dal rapimento messo in atto dal suo istitutore. Sarà l’occasione per scoprire che le marachelle terribili di Pepito altro non erano che un tentativo di attirare l’attenzione dei genitori, troppo presi da impegni istituzionali. Una bella lezione per i due che, riabbracciando il figlio scomparso, scopriranno che Pepito è molto più importante degli impegni mondani che avevano assorbito la loro vita.

La commedia, diretta nel 1998 da Daisy Von Scherler Mayer, è ispirata alla serie di romanzi Madeline di Ludwig Bemelmans, pubblicati a partire dal 1939. È interpretata dal premio Oscar Frances McDormand, che nel film interpreta Suor Clavet, Nigel Hawthorne, e per la prima volta sullo schermo dalla piccola Hatty Jones.

Letizia Sartù

Nessun commento

Scrivi un commento

Lascia un commento a questo articolo, ti garantiamo che il tuo indirizzo e-mail non verrà reso pubblico e che non riceverai MAI spam da parte di Blog Family.

Questo sito è abilitato Gravatar. Clicca qui per creare un Avatar che comparirà ogni qual volta lascerai un commento su Blogfamily.it e su tutti gli altri siti e blog che supportano la tecnologia Gravatar.

* campi obbligatori.